Pinterest • The world’s catalogue of ideas

La Nostra Storia

200 Pins23 Followers
è un blog storico,è un blog su quello che fu la storia della nostra Garfagnana (e dintorni),la nostra terra,le nostre radici.Vuole essere narrato però attraverso curiosità,racconti,leggende,personaggi e foto
I terremoti di questi ultimi giorni riportano alla mente quello che successe esattamente 31 anni fa il 23 gennaio 1985, quando l'intera Garfagnana fu messa in allarme per un probabile terremoto di forte intensità. Fu la prima volta in ambito nazionale che succedeva una cosa simile, era la prima volta che si dava un preallarme di questo genere. Le scene di panico si manifestarono in tutta la valle, mentre da tutta la Toscana giungevano i mezzi dell'esercito Ecco la cronaca di quei giorni

I terremoti di questi ultimi giorni riportano alla mente quello che successe esattamente 31 anni fa il 23 gennaio 1985, quando l'intera Garfagnana fu messa in allarme per un probabile terremoto di forte intensità. Fu la prima volta in ambito nazionale che succedeva una cosa simile, era la prima volta che si dava un preallarme di questo genere. Le scene di panico si manifestarono in tutta la valle, mentre da tutta la Toscana giungevano i mezzi dell'esercito Ecco la cronaca di quei giorni

La Nostra Storia: Gaetano Bresci, un regicida nella Valle del Serchi...

La Nostra Storia: Gaetano Bresci, un regicida nella Valle del Serchi...

Un regicida nella Valle del Serchio e precisamente a Ponte all'Ania. Gaetano Bresci, l'assassino del Re d'Italia Umberto I visse due intensi anni sul finire del 1800 a Ponte all'Ania, paese nel comune di Barga, li probabilmente pianificò nella sua mente uno degli omicidi più clamorosi del secolo.Testimoni raccontavano quando lo vedevano fare il tiro a segno con la sua pistola nel fiume Ania, ma non solo, in paese lasciò un segno di se ancora più tangibile:un figlio

Un regicida nella Valle del Serchio e precisamente a Ponte all'Ania. Gaetano Bresci, l'assassino del Re d'Italia Umberto I visse due intensi anni sul finire del 1800 a Ponte all'Ania, paese nel comune di Barga, li probabilmente pianificò nella sua mente uno degli omicidi più clamorosi del secolo.Testimoni raccontavano quando lo vedevano fare il tiro a segno con la sua pistola nel fiume Ania, ma non solo, in paese lasciò un segno di se ancora più tangibile:un figlio

E' facile oggi buttarla in ironia ma la coltivazione di questa pianta era una cosa seria poiché da essa dipendeva buona parte del sostentamento delle famiglie garfagnine. Di quale pianta sto parlando!? Della canapa naturalmente. La dura lavorazione di essa ci viene raccontata da un testimone diretto::Giuseppe, che ricorda i particolari di questo procedimento. Inoltre documenti del 1666 ci ricordavano che di canapa si poteva anche morire

E' facile oggi buttarla in ironia ma la coltivazione di questa pianta era una cosa seria poiché da essa dipendeva buona parte del sostentamento delle famiglie garfagnine. Di quale pianta sto parlando!? Della canapa naturalmente. La dura lavorazione di essa ci viene raccontata da un testimone diretto::Giuseppe, che ricorda i particolari di questo procedimento. Inoltre documenti del 1666 ci ricordavano che di canapa si poteva anche morire

Una sensazionale scoperta archeologica è avvenuta circa un mese fa in Garfagnana e precisamente al Riparo Fredian, ne danno notizia tutti i giornali specializzati, infatti sono stati ritrovati nel sito archeologico due denti  di un uomo (o donna) vissuto ben 13.000 anni fa, ma la particolarità è che questi  erano otturati con una tecnica del tutto somigliante a quella dei dentisti moderni,  questo fa si che questa sia stata dichiarata l'otturazione più antica del mondo.

Una sensazionale scoperta archeologica è avvenuta circa un mese fa in Garfagnana e precisamente al Riparo Fredian, ne danno notizia tutti i giornali specializzati, infatti sono stati ritrovati nel sito archeologico due denti di un uomo (o donna) vissuto ben 13.000 anni fa, ma la particolarità è che questi erano otturati con una tecnica del tutto somigliante a quella dei dentisti moderni, questo fa si che questa sia stata dichiarata l'otturazione più antica del mondo.

Il 25 aprile è una data importante per la nostra storia, il nostrio ricordo va a coloro che per libertà sacrificarono le loro vite, ma purtroppo non ci ricordiamo di tutti e ci dimentichiamo anche di chi piuttosto che aderire alla Repubblica Sociale e di continuare la guerra al fianco dei nazisti, scelse di essere deportato nei campi di concentramento in Germania. Loro erano conosciuti come gli I.M.I: "Italienische-Militar-Internierten" ovverosia "internati militari italiani".

Il 25 aprile è una data importante per la nostra storia, il nostrio ricordo va a coloro che per libertà sacrificarono le loro vite, ma purtroppo non ci ricordiamo di tutti e ci dimentichiamo anche di chi piuttosto che aderire alla Repubblica Sociale e di continuare la guerra al fianco dei nazisti, scelse di essere deportato nei campi di concentramento in Germania. Loro erano conosciuti come gli I.M.I: "Italienische-Militar-Internierten" ovverosia "internati militari italiani".

Qual'è la cosa più importante della vita? La stragrande maggioranza di voi mi risponderà la salute e così infatti è. La Garfagnana in fatto di salute non è stata tanto fortunata, ricordiamo fra tutte le due catastrofiche pandemie che hanno colpito la nostra valle: la peste bubbonica del 1630 e più recentemente la febbre spagnola nel 1918 Oggi però questo articolo scenderà più nel dettaglio e guarderà appunto di cosa ci si ammalava in Garfagnana in tempi lontani.

Qual'è la cosa più importante della vita? La stragrande maggioranza di voi mi risponderà la salute e così infatti è. La Garfagnana in fatto di salute non è stata tanto fortunata, ricordiamo fra tutte le due catastrofiche pandemie che hanno colpito la nostra valle: la peste bubbonica del 1630 e più recentemente la febbre spagnola nel 1918 Oggi però questo articolo scenderà più nel dettaglio e guarderà appunto di cosa ci si ammalava in Garfagnana in tempi lontani.

Un dolce pasquale di oltre 400 anni di vita, una leccornia antica, tipicamente garfagnina, questa è la pasimata, una specialità che affonda le sue radici nei tempi più lontani, a quanto pare la sua ricetta originale risale al 1621 nata a Castiglione Garfagnana, ma anche Gallicano rivendica la sua paternità con documenti che attestano ancor prima la sua presenza. Parleremo anche della sua laboriosissima lavorazione, della sua nascita e della sua antica funzione, ed inoltre analizzeremo la…

Un dolce pasquale di oltre 400 anni di vita, una leccornia antica, tipicamente garfagnina, questa è la pasimata, una specialità che affonda le sue radici nei tempi più lontani, a quanto pare la sua ricetta originale risale al 1621 nata a Castiglione Garfagnana, ma anche Gallicano rivendica la sua paternità con documenti che attestano ancor prima la sua presenza. Parleremo anche della sua laboriosissima lavorazione, della sua nascita e della sua antica funzione, ed inoltre analizzeremo la…

Un linguaggio vecchio di migliaia di anni quello delle campane garfagnine. Si, perchè le campane parlano. Proprio così, le campane oltre che segnare lo scorrere del tempo scandivano la vita dei paesi garfagnini. Avevano il potere di chiamare a raccolta un intero paese a qualsiasi ora e il diverso ritmo e suono annunciava gioie, dolori, morte e minacce imminenti, inoltre si dice che il suono delle campane avesse la forza di combattere i temporali  Conosciamo allora la loro intrigante lingua,

Un linguaggio vecchio di migliaia di anni quello delle campane garfagnine. Si, perchè le campane parlano. Proprio così, le campane oltre che segnare lo scorrere del tempo scandivano la vita dei paesi garfagnini. Avevano il potere di chiamare a raccolta un intero paese a qualsiasi ora e il diverso ritmo e suono annunciava gioie, dolori, morte e minacce imminenti, inoltre si dice che il suono delle campane avesse la forza di combattere i temporali Conosciamo allora la loro intrigante lingua,

Era il 1947 quando la Madonna apparve a Gramolazzo ad Anna Morelli. La ragazza era ammalata da anni, ma quando la Vergine pose la sua mano su di lei il male scomparve, lasciando sul corpo della giovane un evidente croce di color vermiglio. Questa sarà la prima apparizione, ne seguiranno altre da far giungere in paese giornalisti, fotografi e autorità civili ed ecclesiastiche e sopratutto gente da tutta la valle arrivate fin lì per vedere la miracolata. Altre visioni come detto…

Era il 1947 quando la Madonna apparve a Gramolazzo ad Anna Morelli. La ragazza era ammalata da anni, ma quando la Vergine pose la sua mano su di lei il male scomparve, lasciando sul corpo della giovane un evidente croce di color vermiglio. Questa sarà la prima apparizione, ne seguiranno altre da far giungere in paese giornalisti, fotografi e autorità civili ed ecclesiastiche e sopratutto gente da tutta la valle arrivate fin lì per vedere la miracolata. Altre visioni come detto…

Chi l'avrebbe detto che l'invenzione della macchina da scrivere fosse opera anche di un garfagnino? La storia è bellissima e poco conosciuta e nasce dai più nobili sentimenti quali l'amore e la pietà umana. Tale oggetto infatti fu inventato da due amici:Turri Pellegrino da Castelnuovo e Agostino Fantoni di Fivizzano, per alleviare le sofferenze della contessina Carolina divenuta cieca. Una storia di altri altri tempi ben documentata e tutta da leggere che ridisegna la storia di questa…

Chi l'avrebbe detto che l'invenzione della macchina da scrivere fosse opera anche di un garfagnino? La storia è bellissima e poco conosciuta e nasce dai più nobili sentimenti quali l'amore e la pietà umana. Tale oggetto infatti fu inventato da due amici:Turri Pellegrino da Castelnuovo e Agostino Fantoni di Fivizzano, per alleviare le sofferenze della contessina Carolina divenuta cieca. Una storia di altri altri tempi ben documentata e tutta da leggere che ridisegna la storia di questa…

Sono giorni infelici per il nostro Paese.Il terremoto che ha colpito il centro Italia  riporta alla mente dei garfagnini l'ormai tristemente famoso terremoto che colpì la valle il 7 settembre 1920.Oggi, su questo sisma di quasi cent'anni fa, voglio scrivere andando in profondità, scrivendo di come furono gestiti i soccorsi, quali furono gli interventi e gli aiuti dello Stato e sopratutto del clamoroso ed ignobile scandalo che colpì l'ente  addetto alla ricostruzione delle case dei…

Sono giorni infelici per il nostro Paese.Il terremoto che ha colpito il centro Italia riporta alla mente dei garfagnini l'ormai tristemente famoso terremoto che colpì la valle il 7 settembre 1920.Oggi, su questo sisma di quasi cent'anni fa, voglio scrivere andando in profondità, scrivendo di come furono gestiti i soccorsi, quali furono gli interventi e gli aiuti dello Stato e sopratutto del clamoroso ed ignobile scandalo che colpì l'ente addetto alla ricostruzione delle case dei…

Tempo di castagne e una volta era tempo anche di antiche usanze Fra le più primitive di tutta la Garfagnana esiste il rito del “maconeccio” che esiste da quando il primo castagno ha messo radici in Garfagnana. Di questo rito ne parlano trattati storici già dal 1600 e ne parla pure il famoso naturalista trassilichino Antonio Vallisneri di questa liturgia che si è protratta nei secoli fino a pochi decenni fa e che aveva il compito di salvaguardare il raccolto di castagne

Tempo di castagne e una volta era tempo anche di antiche usanze Fra le più primitive di tutta la Garfagnana esiste il rito del “maconeccio” che esiste da quando il primo castagno ha messo radici in Garfagnana. Di questo rito ne parlano trattati storici già dal 1600 e ne parla pure il famoso naturalista trassilichino Antonio Vallisneri di questa liturgia che si è protratta nei secoli fino a pochi decenni fa e che aveva il compito di salvaguardare il raccolto di castagne

Sono ricomparsi e le paure e i timori sopiti da tempo sono tornati a galla. Ormai la loro presenza è segnalata in ogni dove nella valle. I lupi sono riapparsi in tutta la Garfagnana, ma loro erano già nelle nostre terre ai tempi delle invasioni barbariche in Italia. Da quei tempi le leggende si sono moltiplicate e la caccia a questo animale non si è mai conclusa. La Repubblica di Lucca mise delle cospicue taglie sulla loro testa e nei paesi garfagnini i lupi una volta uccisi venivano appesi

Sono ricomparsi e le paure e i timori sopiti da tempo sono tornati a galla. Ormai la loro presenza è segnalata in ogni dove nella valle. I lupi sono riapparsi in tutta la Garfagnana, ma loro erano già nelle nostre terre ai tempi delle invasioni barbariche in Italia. Da quei tempi le leggende si sono moltiplicate e la caccia a questo animale non si è mai conclusa. La Repubblica di Lucca mise delle cospicue taglie sulla loro testa e nei paesi garfagnini i lupi una volta uccisi venivano appesi

Sono le straordinarie storie della nostra valle, che talvolta riemergono dall'oblio dei tempi e questa che andrò a raccontarvi è una di queste. Sono le vicende di Ercole Testoni da Bagni Lucca, emigrante in Inghilterra che per una serie di circostanze si ritrovò imbarcato (fino al giorno del fatidico urto con l'iceberg) sul transatlantico più famoso al mondo: il Titanic. Una storia tutta da leggere, fatta di speranza, di morte e di ricordi che non devono sparire...

Sono le straordinarie storie della nostra valle, che talvolta riemergono dall'oblio dei tempi e questa che andrò a raccontarvi è una di queste. Sono le vicende di Ercole Testoni da Bagni Lucca, emigrante in Inghilterra che per una serie di circostanze si ritrovò imbarcato (fino al giorno del fatidico urto con l'iceberg) sul transatlantico più famoso al mondo: il Titanic. Una storia tutta da leggere, fatta di speranza, di morte e di ricordi che non devono sparire...

Una storia di emigrazione diversa da tutte le altre Queste sono le vicende di Giuliano Luisi partito da umile emigrante da Coreglia verso le lontane Americhe come figurinaio per poi ritrovarsi clamorosamente coinvolto fra le pagine più importanti della storia americana. I fatti certi ci dicono che conosceva John Wilkes Booth l'assassino di Lincoln, che prese parte alla morte di John Brown e che partecipò alla guerra di secessione I fatti incerti  ci dicono che prese all'omicidio Lincoln...

Una storia di emigrazione diversa da tutte le altre Queste sono le vicende di Giuliano Luisi partito da umile emigrante da Coreglia verso le lontane Americhe come figurinaio per poi ritrovarsi clamorosamente coinvolto fra le pagine più importanti della storia americana. I fatti certi ci dicono che conosceva John Wilkes Booth l'assassino di Lincoln, che prese parte alla morte di John Brown e che partecipò alla guerra di secessione I fatti incerti ci dicono che prese all'omicidio Lincoln...